Gli antichi conventi – 579^ edizione della Fiera d’Aprile

15 ottobre 2016

12994555_1041919555845732_7763274870873061692_n

In occasione della 579^ edizione della Fiera d’Aprile 2016, l’Associazione culturale H1 attuerà una serie di visite guidate tematiche all’interno della Cattedrale di Andria. 

Il progetto si intitolerà “La Fiera d’Aprile attraverso la Cattedrale e i suoi conventi”.

L’associazione culturale H1, in accordo con le altre associazioni cittadine impegnate nella valorizzazione del territorio, promuoverà un itinerario univoco sui conventi del borgo antico, rendendo le visite legate tra di loro da un fil rouge tematico. L’Associazione Culturale H1 si impegna a prendere in “adozione” la Cattedrale di Andria, quale luogo di partenza del tour più vasto e come crocevia degli ordini monastici della città stessa. Per poter parlare della Fiera d’Aprile e dei suoi aspetti più caratteristici è fondamentale partire da una breve storia della città e della sua profonda fede religiosa da sempre viva nella figura di San Riccardo, protagonista indiscusso della Fiera d’Aprile, nella Sacra Spina, dono del secolo Trecento che proprio in quest’anno liturgico ha ridato vita al prodigio miracoloso, e nei conventi che hanno arricchito la civitas mariana di splendide strutture e venerabili opere d’arte. E’ proprio la fondazione della cattedrale di Andria a determinare rinnovate condizioni per l’attività religiosa del clero intorno al suo primo grande Vescovo, Riccardo, durante la sua attività episcopale durata circa un quarantennio.

Si accennerà all’arrivo di importanti ordini monastici (XIII-XIV), rivelatesi fondamentali per il rinsaldamento della fede cattolica. Tra questi importanti furono quello dei padri agostiniani, dei frati francescani, dei domenicani, dei benedettini e dei cappuccini che arricchirono l’urbe di splendidi conventi e chiese, la maggior parte dei quali ubicati all’interno della cinta muraria. Delle splendide strutture oggi rimane ben poco in seguito alle vicissitudini che i conventi vissero a partire dalla promulgazione del decreto Muratiano del 1809. Della storia di questi si offrirà una brevissima spiegazione nell’excursus storico previsto all’inizio e durante la visita guidata.

I giorni delle visite guidate saranno: 22, 23, 24 aprile 2015.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *